La mia vita non proprio perfetta

Buonasera amici lettori, oggi voglio presentarvi il nuovo romanzo di Sophie Kinsella, autrice della famosissima saga di “I love shopping”.

Questa autrice sforna un romanzo dietro l’altro, non riesco proprio a capire come faccia! Però ammetto di trovare il suo stile umoristico accattivante, di quelli che ti fanno passare una bella serata in totale relax con quattro risate, senza troppi pensieri.

Eppure dietro ogni trama della Kinsella, tra risate e situazione surreali, troviamo anche dei temi profondi e significativi. Un esempio è l’ultimo romanzo pubblicato dall’autrice, dal titiolo “Dove è finita Audrey”. Molto molto carino, ve lo consiglio.

Ma veniamo al nuovo romanzo che è uscito proprio oggi!! A proposito, buon San Valentino a tutti!! io non amo molto questa festa ma faccio gli auguri a tutti i Valentino e a tutte le Valentine : )

Mi sto perdendo in ciance, controlliamo le informazioni del libro.

9788804674092_0_0_1589_80

Titolo: La mia vita non proprio perfetta

Autrice: Sophie Kinsella

Editore: Mondadori

Prezzo: 20,00 euro

Trama: Katie è una ragazza di campagna di ventisei anni il cui sogno è diventare una londinese con la L maiuscola. Adora la vita della grande metropoli scintillante, ma il punto è che non se la può permettere. Come tante persone della sua età fa fatica ad arrivare alla fine del mese, anzi della settimana, tra stage mal pagati e lavori a termine è sempre a corto di soldi, vive in uno spazio minuscolo in coabitazione con altri ragazzi con cui non va esattamente d’accordo, si veste solo con abiti presi al mercato, mangia come un uccellino, ma nonostante tutto ciò resiste. Katie fa credere a tutti di avere una vita fantastica postando su Instagram foto patinate e modaiole, ma la verità è tristemente un’altra. Lei vorrebbe diventare come Demeter, anzi essere Demeter, la sua responsabile nella famosa agenzia di marketing in cui ora lavora, una quarantenne realizzata nella professione e nella vita, piena di glamour, sicura di sé e molto egocentrica. Ma quando improvvisamente Katie rimane di nuovo senza lavoro, è costretta a tornare a vivere dai genitori nel Somerset. Mortificata, vede svanire il suo sogno di carriera, ma ancora non sa che la partita è tutta da giocare. Ancora una volta Sophie Kinsella dimostra un talento e una sensibilità ineguagliabili nel raccontare storie con grande empatia e ironia.  

Cosa ne pensate di questa trama? Come vi dicevo prima trovo che la Kinsella affronti spesso tematiche importanti, in questo caso si parla infatti dell’importanza che diamo alla superficie, all’apparenza. Perchè non possiamo essere felici con quello che abbiamo invece di voler essere chi non siamo?

Vorrei davvero leggere questo romanzo, domani andrò a cercarlo.

Voi avete letto i libri della Kinsella? Vi piacciono?

Fatemi sapere,

Mia

Recensione: “Il maestro delle ombre”

Ciao amici lettori, è tanto tempo che non vi scrivo nulla!! Vi chiedo scusa ma sono stata molto impegnata con nuovi progetti e non è stato un periodo facilissimo dal punto di vista personale, ma eccomi qua con una recensione fresca fresca!!

Oggi parliamo dell’ultimo romanzo che ho terminato di leggere, “Il maestro delle ombre” di Donato Carrisi.

Vediamo prima le informazioni sul libro.

9788830439412_0_0_300_80

Titolo: Il maestro delle ombre

Autore: Donato Carrisi

Editore: Longanesi

Prezzo: 18,80 euro

Trama: Una tempesta senza precedenti si abbatte sulla capitale con ferocia inaudita. Quando un fulmine colpisce una delle centrali elettriche, alle autorità non resta che imporre un blackout totale di ventiquattro ore, per riparare l’avaria. Le ombre tornano a invadere Roma. Sono passati cinque secoli dalla misteriosa bolla di papa Leone X secondo cui la città non avrebbe «mai mai mai» dovuto rimanere al buio. Nel caos e nel panico che segue, un’ombra più scura di ogni altra si muove silenziosa per la città lasciando una scia di morti… e di indizi. Tracce che soltanto Marcus, cacciatore del buio addestrato a riconoscere le anomalie sulle scene del crimine, può interpretare. Perché Marcus è sì un prete, ma appartiene a uno degli ordini più antichi e segreti della Chiesa: la Santa Penitenzieria Apostolica, conosciuta anche come il tribunale delle anime. Ma il penitenziere ha perso la sua arma più preziosa: la memoria. Non ricorda nulla dei suoi ultimi giorni, e questo dà un enorme vantaggio all’assassino. Soltanto Sandra Vega, ex fotorilevatrice della Scientifica, può aiutarlo nella sua caccia. Sandra è l’unica a conoscere il segreto di Marcus, ma ha sofferto troppe perdite nella sua vita per riuscire ad affrontare nuovamente il male. Eppure, qualcosa la costringe a essere coinvolta suo malgrado in questa indagine… Ma il tramonto è sempre più vicino, e il buio è un confine oltre il quale resta soltanto l’abisso.  

Questo romanzo rappresenta il terzo capitolo della storia di Marcus e Sandra, i miei personaggi preferiti tra quelli ideati da Carrisi.

Innanzitutto ci troviamo subito in un’atmosfera cupa e tenebrosa. Roma si ritrova in un black out totalizzante, Marcus è intrappolato e dolorante nelle viscere della capitale e la nostra Sandra svolge un lavoro che poco ha a che fare con le sue grandi capacità.

La storia prende subito il via (come sempre), grazie ad un criptico messaggio che Marcus ritrova tra i suoi averi che cita “trova Tobia Frai”, un misterioso bambino scomparso nel centro della città anni prima.

Così hanno inizio le indagini di Marcus e Sandra, sulle tracce del bambino scomparso e in un’ambientazione molto apocalittica.

Devo dire che purtroppo proprio l’ambientazione era esageratamente tetra, più volte durante la lettura mi sono ritrovata a pensare se stessi leggendo un libro di fantascienza sugli zombie piuttosto che un giallo dell’abilissimo Carrisi.

Ovviamente tutto viene spiegato al termine del romanzo, tuttavia non lo trovo sufficiente per giustificare pagine e pagine dove questo sfondo fa da protagonista.

Persone impazzite e prive di volontà che attacano il primo che passa al calar del buio…mi è sembrato un po’ esagerato anche se ben orchestrato.

Dal punto di vista narrativo ci troviamo davanti un romanzo molto scorrevole e piacevole, come i precedenti, però a mio avviso gli mancava la stessa verve, la stessa suspance che ti spingeva a dire “ancora un capitolo e smetto”, e alle tre di notte eri ancora lì con il libro in mano.

La storia non si è conclusa, quindi spero che nel prossimo volume i nostri protagonisti ci riservino qualche altra sorpresa.

Valutazione: 3 su 5

Alla prossima,

Mia

Recensione: “La gemella silenziosa”

Buon pomeriggio amici lettori! Prima di tutto ci tengo ad augurarvi un felice e sereno anno nuovo, spero che tutti voi possiate raggiungere i vostri obiettivi e i vostri sogni : )

Quindi inauguriamo il 2017 con una nuova recensione sull’ultimo romanzo che ho letto.

Vi mostro subito le informazioni principali.

9788811688051_0_0_1535_80

Titolo: La gemella silenziosa

Autore: S.K. Tremayne

Editore: Garzanti

Prezzo: 16,90 euro

Trama: A Sarah piace il silenzio assoluto della sera che avvolge l’isola di Skye. Le piace muoversi piano nella penombra e accarezzare delicatamente i biondi capelli della sua bambina di sette anni, Kirstie, che si è appena addormentata. Mentre osserva le sue manine che stringono il cuscino, Sarah ripensa a quando quelle mani si stringevano a quelle, identiche, della sorella gemella Lydia. Niente le distingueva: stesse lentiggini, stessi occhi azzurro ghiaccio, stesso sorriso giocoso. Ma, un anno prima, Lydia è morta improvvisamente e ha lasciato un vuoto così grande che ha costretto Sarah e la sua famiglia a fuggire da tutto e da tutti su quell’isola nel mare della Scozia. Lì, tra scogliere impervie e cieli immensi, Sarah sente che lei, la bambina e suo marito Angus potranno forse ritrovare la serenità. Eppure, mentre si avvicina l’inverno, Kirstie è sempre più strana. Diventa silenziosa, riflessiva, stranamente interessata a cose che prima non amava. Sempre più simile a Lydia, la gemella scomparsa. Quando un giorno si scatena una violenta tempesta, Sarah e Kirstie rimangono isolate. Nel buio, col solo mugghiare del vento ad ascoltarle, Kirstie alza gli occhi e sussurra: “Mamma, perché continui a chiamarmi Kirstie? Io sono Lydia. Kirstie è morta, non io”. Sarah è devastata e il tarlo del dubbio comincia a torturarle l’anima. Cos’è successo davvero il giorno in cui una delle gemelle è morta? È possibile che una madre possa non riconoscere sua figlia?

I protagonisti di questo romanzo sono molto inquietanti. Abbiamo due gemelline delle quali una è morta in un tragico incidente, e due genitori che raccontano la storia in modo alternato nei vari capitoli.

Come ci racconta la trama, il tutto ha inizio quando Kirstie, la gemella sopravvissuta, dice a sua madre che in realtà non è Kirstie, ma Lydia, la gemella morta.

Ovviamente la mamma viene assalita dal dubbio e inizia a mettere in discussione ogni cosa, fare prove per verificare la vera identità della figlia, sonda teorie (assurde, perdonatemi) e cerca di capire in ogni modo quale delle due bambine è morta davvero.

Il rapporto tra i genitori si incrina, ognuno si addossa delle colpe, si allontanano, si riavvicinano, si odiano e si amano.

Il romanzo è un thriller psicologico, però vi dirò che non mi ha colpito per niente e anzi, l’ho trovato noioso e ripetitivo. La bambina continua a fare e dire le stesse cose, si capisce che i genitori nascondono qualcosa (nulla di speciale, mi aspettavo di più) ma non si viene a capo di nulla.

Ogni avvenimento che salta fuori è trattato con superficialità, insomma una volta chiuso il libro non mi è rimasto nulla.

Purtroppo darò un voto basso al romanzo, peccato perchè avevo letto delle ottime recensioni e mi aspettavo davvero molto di più.

Valutazione: 1 su 5

Alla prossima,

Mia

Recensione: “La figlia del faraone”

Buongiorno amici lettori e buona domenica!

Oggi vi scrivo una bella recensione sull’ultimo romanzo che ho letto, posso anticipare che l’ho trovato molto gradevole. Ma vediamo subito le informazioni sul romanzo.

9788856653861_0_0_1630_80

Titolo: La figlia del faraone

Autore: Mesu Andrews

Editore: Piemme

Prezzo: 18,50 euro

Trama: È un giorno caldissimo quello in cui, sulle rive del Nilo, Anippe, figlia del faraone Akhenaton, si accorge in lontananza di un oggetto trascinato dalle correnti. Da quando suo padre è morto, e suo fratello Tutankhamen è salito al trono, la ragazza è stata data in sposa a Sebak, uno dei capitani dell’esercito del faraone. Non ancora madre, e col terrore di perdere la vita dando alla luce un figlio, Anippe si rende conto che l’oggetto regalatole dalle acque è un cesto, e che dentro c’è un neonato: senza pensarci due volte, decide di prendere il bambino con sé, e di spacciarlo per il figlio che suo marito vorrebbe da lei. Ma Anippe sa che la sua decisione avrà delle conseguenze: quel bambino è ebreo, figlio di una schiava, affidato al fiume perché possa sfuggire alla persecuzione contro la sua religione, voluta dal faraone stesso. Così, l’uomo che per il suo popolo sarà Mosè, crescerà col nome di Mehy alla corte dei faraoni, come un principe. Mentre Anippe tesserà una tela sempre più grande di inganni e bugie per proteggere quello che per lei è più di un figlio.

Come ci spiega la trama, la storia narra la vita di Anippe, sorella del faraone Tut. Anippe è una giovane principessa dalla vita travagliata. Figlia del faraone Eretico, sorella di un nuovo faraone bambino e di una sorellina capricciosa, Ankhe. La protagonista vede la propria madre morire di parto e ne rimane profondamente traumatizzata, tanto che, quando il fratello decide di darla in sposa a un ufficiale, cercherà con ogni mezzo di evitare una spiacevole gravidanza.

A risolvere tutti i suoi problemi però ci penserà l’editto emanato da Tut, che prevede la morte di tutti i bambini ebrei maschi come rito propiziatorio per la nascita del suo futuro erede. Una famiglia però, decide di salvare il piccolo Mosè affidandolo ad un cesto di vimini ricoperto di pece, che verrà ritrovato proprio da Anippe.

E’ molto facile immaginare come Anippe abbia visto in quel bimbo la risoluzione di tutti i suoi problemi.

Questo rappresenta l’inizio della storia di Mosè, detto Mehy alla corte del faraone. Non starò a raccontare tutti i dettagli altrimenti vi rovino la storia, però posso dire che il romanzo è molto scorrevole e piacevole.

Si intrecciano con abilità le vite degli egizi e degli ebrei, lo stile di vita, la quotidianità. Ci sono innumerevoli personaggi degni di nota, come Mered, capofilanda e grande amico del marito di Anippe, Miriam la sorellina naturale del piccolo Mosè e tanti altri.

L’unico appunto che voglio fare riguarda il personaggio di Ankhe. Viene rappresentata come una giovane piena di risentimento, sempre arrabbiata, infelice. La sua uscita di scena però è stata talmente veloce da non lasciare il segno. Insomma per un personaggio così importante io avrei preferito un maggiore rilievo.

Tutto sommato però ho letto il libro molto volentieri e lo consiglio a tutti gli amanti dell’antico Egitto.

Valutazione: 4 su 5

Alla prossima,

Mia

Il labirinto degli spiriti

Buongiorno a tutti amici lettori!! Oggi vi propongo la nuova uscita di Carlos Ruiz Zafon, autore molto apprezzato. Ma non perdiamo tempo e andiamo subito a vedere di cosa parla il libro.

Risultati immagini per il labirinto degli spiriti

Titolo: Il labirinto degli spiriti

Autore: Carlos Ruiz Zafon

Editore: Mondadori

Prezzo: 23,00 euro

Trama: Barcellona, fine anni ’50. Daniel Sempere non è più il ragazzino che abbiamo conosciuto tra i cunicoli del Cimitero dei Libri Dimenticati, alla scoperta del volume che gli avrebbe cambiato la vita. Il mistero della morte di sua madre Isabella ha aperto una voragine nella sua anima, un abisso dal quale la moglie Bea e il fedele amico Fermín stanno cercando di salvarlo. Proprio quando Daniel crede di essere arrivato a un passo dalla soluzione dell’enigma, un complotto ancora più oscuro e misterioso di quello che avrebbe potuto immaginare si estende fino a lui dalle viscere del Regime. È in quel momento che fa la sua comparsa Alicia Gris, un’anima emersa dalle ombre della guerra, per condurre Daniel al cuore delle tenebre e aiutarlo a svelare la storia segreta della sua famiglia, anche se il prezzo da pagare sarà altissimo. Dodici anni dopo L’ombra del vento, Carlos Ruiz Zafón torna con un’opera monumentale per portare a compimento la serie del Cimitero dei Libri Dimenticati. Il Labirinto degli Spiriti è un romanzo inebriante, fatto di passioni, intrighi e avventure. Attraverso queste pagine ci troveremo di nuovo a camminare per stradine lugubri avvolte nel mistero, tra la Barcellona reale e il suo rovescio, un riflesso maledetto della città. E arriveremo finalmente a scoprire il gran finale della saga, che qui raggiunge l’apice della sua intensità e al tempo stesso celebra, maestosamente, il mondo dei libri, l’arte di raccontare storie e il legame magico che si stabilisce tra la letteratura e la vita. 

Ecco qua, il ritorno di Daniel, il protagonista dei libri precedenti. Che ne dite siete felici che ci sia un nuovo romanzo con lo stesso protagonista? O preferivate qualcosa di completamente nuovo?

Per quanto mi riguarda ho la serie di questi romanzi nella libreria ma non li ho acora letti, devo rimediare!!!

Fatemi sapere i vostri consigli, secondo voi sono dei validi romanzi? Li consigliereste?

A presto,

Mia

Book Tag – Big Books

Buonasera a tutti amici lettori! Oggi, per cambiare, parteciperò al Tag della gentilissima Ardath89 del blog Leggererecensire.

Grazie ancora per il Tag!!

Allora le regole per questa iniziativa sono:

-Ringraziare chi ci ha nominato;

-Taggare 5 bloggers

-Citare i 5 libri più grandi che abbiamo letto e i 2 presenti nella nostra libreria ma che non abbiamo ancora iniziato;

Va bene, diamo il via alla sfida!!!!

I 5 libri più grandi presenti nella mia libreria sono:

  • Il dardo e la rosa di Jacqueline Carey con 888 pagine;
  • Harry Potter e l’ordine della fenice con 806 pagine;
  • Gli elfi di Bernhard Hennen con 800 pagine;
  • La regina degli elfi dello stesso autore precedente con 800 pagine;
  • La verità sul caso Harry Quebert  con 775 pagine;

Tutti bellissimi ci tengo a specificarlo!

Andiamo avanti con la seconda richiesta, ovvero i due libri più grandi sulla mia libreria che non ho ancora letto:

  • Outlander di Diana Galbadon con 838 pagine;
  • I giorni del tè e delle rose di Jennifer Donnelly con 638 pagine;

Devo dire che il secondo romanzo che ho nominato ce l’ho da un anno e mi incuriosisce tanto, solo che trovo sempre qualcosa a cui dare la precedenza! Ma lo leggerò presto lo prometto.

Quindi, questo era il mio Tag, e ora…..la nomina dei 5 Blog che potrebbero fare questo simpatico giochino:

Ecco fatto, credo di aver rispettato tutte le regole di questa iniziativa!! Grazie ancora ad Ardath89 per la nomina ❤

A presto,

Mia

The chemist. La specialista

Buongiorno a tutti amici! Oggi giornata piovosa, ma ogni tanto ci vuole.

Per rallegrare la serata vi presento un libro di prossima uscita di una nota autrice, Stephenie Meyer. Chi di voi non ha letto la saga di Twilight? Io sì ma ammetto di non aver apprezzato il quarto volume.

Comunque il nuovo romanzo non parlerà affatto di vampiri ma sarà un thriller!! Ma andiamo subito a vedere di cosa si tratta.

9788817091831_0_0_300_80

Titolo: The chemist. La specialista

Autore: Stephenie Meyer

Editore: Rizzoli

Prezzo: 20,00 euro

Trama: Lei lavorava per il governo degli Stati Uniti, per un’agenzia così segreta che non ha neanche un nome. È un’esperta nel suo campo, ma adesso sa qualcosa che non dovrebbe sapere, e i suoi ex capi la vogliono morta. Subito. Non può restare a lungo nello stesso posto, né mantenere la medesima identità per troppo tempo, e l’unica persona di cui si fidava è stata uccisa. Quando le viene offerta la possibilità di mettersi in salvo, in cambio di un ultimo lavoro, lei accetta, ma nel momento in cui si prepara ad affrontare la sfida più dura, si innamora di un uomo. E sarà una passione che può soltanto diminuire le sue possibilità di sopravvivenza. Mentre tutto si complica, la Specialista sarà costretta a mettere in pratica il suo «talento» come mai prima. In un mondo in cui i rapporti di fiducia mutano di continuo, dovrà muoversi con ingegno e astuzia per proteggere se stessa e l’uomo che ama. Stephenie Meyer ha creato un’eroina affascinante e feroce e dato vita a un romanzo potente che trascina il lettore in un vortice ad alto tasso adrenalinico: crimini, fughe, torture, giochi e doppi giochi di spionaggio, in bilico tra passioni e ragioni assolute.

Cosa ne pensate di questa trama? Sembra intrigante, anche se trovo un po’ esagerato il prezzo. In ogni caso sono molto curiosa e andrò sicuramente a sbirciare in libreria non appena uscirà. La data prevista per la pubblicazione è il 24/11/2016, quindi tra soli 3 giorni!!

Fatemi sapere se lo leggerete prima di me o in generale cosa ne pensate di questa autrice e dei suoi precedenti romanzi.

A presto,

Mia

Tredici giorni con John C. e altri racconti

Buongiorno a tutti amici lettori e buon sabato!

Oggi vi mostro il nuovo libro di un’autrice molto apprezzata che però io non ho mai avuto occasione di leggere…sto parlando di Jo Jo Moyes, autrice del famosissimo “Io prima di te” da cui di recente è stato tratto un film.

Vi lascio la scheda del libro.

9788804674788_0_0_300_80

Titolo: Tredici giorni con John C. e altri racconti

Autore: Jo Jo Moyes

Editore: Mondadori

Prezzo: 14,00 euro

Trama: “I messaggi di John C. creavano un’intimità che Miranda non aveva mai provato con nessun altro uomo. Condividevano lo stesso tipo di umorismo, riuscivano a esprimere anche in poche parole le emozioni più pure e complesse. Miranda gli confidava le sue speranze e i suoi segreti”.

Amanti appassionate e deluse, mogli invisibili e trascurate, seduttrici dai tacchi alti, casalinghe alla riscossa, ragazze intraprendenti, giovani donne in lotta con il portafoglio, nuore sfinite dalle suocere… Sono queste le protagoniste assolute degli otto incantevoli racconti di questa raccolta.  

Qualcuno di voi lo ha già letto? Il libro è piuttosto piccolo per dimensioni, l’ho visto proprio oggi al supermercato. Purtroppo non avendo letto altri scritti di questa autrice non so esprimere un’opinione in merito.

Voi suggerireste questo romanzo come lettura? O qualcuno dei romanzi precedenti?

Fatemi sapere,

Mia

“L’anno dei fiori di papavero”

Buonasera a tutti amici!! Oggi vi mostro un romanzo uscito da poco in tutte le librerie, ovvero l’ultimo libro di Corina Bomann.

Vediamolo subito!!

9788809824225_0_0_1533_80

Titolo: L’anno dei fiori di papavero

Autore: Corina Bomann

Editore: Giunti

Prezzo: 14,90 euro

Trama: Il calore di una famiglia numerosa e due genitori che si amano: è questo che Nicole ha sempre sognato fin da bambina. Cresciuta da una madre single che non ha mai voluto parlarle di suo padre, né accogliere un altro uomo nello loro piccola ”casa di donne”, Nicole è fuori di sé dalla gioia quando, a 38 anni, scopre di essere incinta. Talmente felice da sperare che il fidanzato David – da sempre contrario a mettere su famiglia – possa comunque seguirla in questa avventura. Ma quando David la abbandona e Nicole scopre che il bambino ha un problema cardiaco, l’unico rifugio sicuro sarà proprio la tenuta vinicola della madre Marianne. Determinata a sapere se la malattia del bimbo è ereditaria, Nicole riesce finalmente a convincerla a parlarle di suo padre. Un viaggio a ritroso che la porterà in Lorena, a Bar-le-Duc, un villaggio circondato da vigneti e magnifici campi di papavero, dove Marianne aveva lavorato come insegnante negli anni ’70, scoprendo a sue spese il radicato astio degli abitanti verso i tedeschi. Ma non tutti vedevano in Marianne una nemica, soprattutto l’affascinante viticoltore Michel, che però era già promesso a un’altra donna…

Cosa ne pensate di questa trama? Io ammetto di essere sempre titubante quando si parla di questa autrice perchè o sforna romanzi meravigliosi o terribili, non c’è una via di mezzo.

Avevo amato molto “La signora dei gelsomini” di cui vi avevo già parlato e devo dire che la trama di questo nuovo libro mi intriga abbastanza, quindi sono bendisposta all’acquisto! Trovo anche che il prezzo che propone la casa editrice Giunti per i suoi romanzi sia molto buono, si trovano delle vere chicche a poco prezzo.

Voi cosa ne pensate? Conoscete l’autrice e avete letto qualche suo libro?

Fatemi sapere,

Mia

Il maestro delle ombre

Ciao a tutti amici!!! Dopo una lunga assenza sono tornata e posso aggiungere che d’ora in avanti potrò tornare a scrivere articoli con una frequenza giornaliera perchè finalmente ieri mi sono laureata!! 5 anni terminati che bello! Sono stata assente perchè ho avuto molto lavoro da fare tra tesi e lavoro vero e proprio ma ora sono libera e felice e possiamo tornare a parlare della mia cosa preferita, i libri!!!

Oggi voglio presentarvi una bellissima novità che sarà in vendita dal 02/12/2016.

Sto parlando dell’ultimo romanzo di Donato Carrisi che proseguirà la storia di Marcus, il protagonista de “Il tribunale delle anime”. Vi metto copertina e trama.

9788830439412_0_0_300_80

Titolo: Il maestro delle ombre

Autore: Donato Carrisi

Editore: Longanesi

Prezzo: 18,80

Trama: Una tempesta senza precedenti si abbatte sulla capitale con ferocia inaudita. Quando un fulmine colpisce una delle centrali elettriche, alle autorità non resta che imporre un blackout totale di ventiquattro ore, per riparare l’avaria. Le ombre tornano a invadere Roma. Sono passati cinque secoli dalla misteriosa bolla di papa Leone X secondo cui la città non avrebbe «mai mai mai» dovuto rimanere al buio. Nel caos e nel panico che segue, un’ombra più scura di ogni altra si muove silenziosa per la città lasciando una scia di morti… e di indizi. Tracce che soltanto Marcus, cacciatore del buio addestrato a riconoscere le anomalie sulle scene del crimine, può interpretare. Perché Marcus è sì un prete, ma appartiene a uno degli ordini più antichi e segreti della Chiesa: la Santa Penitenzieria Apostolica, conosciuta anche come il tribunale delle anime. Ma il penitenziere ha perso la sua arma più preziosa: la memoria. Non ricorda nulla dei suoi ultimi giorni, e questo dà un enorme vantaggio all’assassino. Soltanto Sandra Vega, ex fotorilevatrice della Scientifica, può aiutarlo nella sua caccia. Sandra è l’unica a conoscere il segreto di Marcus, ma ha sofferto troppe perdite nella sua vita per riuscire ad affrontare nuovamente il male. Eppure, qualcosa la costringe a essere coinvolta suo malgrado in questa indagine… Ma il tramonto è sempre più vicino, e il buio è un confine oltre il quale resta soltanto l’abisso.

Che cosa ne pensate della trama? Mi sembra molto interessante ma soprattutto coinvolgente. Io adoro sia Marcus che Sandra e non vedevo l’ora che Carrisi pubblicasse un nuovo romanzo su di loro. Sarò di sicuro in prima fila per acquistarlo!

Voi cosa ne dite? Lo leggerete? Conoscete l’autore e avete letto altri romanzi?

Io ve li consiglio moltissimo, trovate le mie recensioni qui sul blog.

A presto,

Mia